Follow Me

Close
io con bimbi-2piccola

Qualcosa su di me


Sono una ragazzaccia di 34 anni.
Ho sempre fatto le cose di testa mia perchè le intuizioni non mi sono mai mancate e ho sempre creduto nei sogni.
Si, proprio i sogni, quelle visioni o vite immaginare che ci creiamo in testa pensando che non potremo mai realizzare. E a volte li mettiamo li, dentro quel buio e specialista nel far dimenticare, cassetto.

Eppure uno dopo l’altro i miei sogni li ho avverati. Certo non quello di diventare cantane o attrice famosa, ma forse non era neanche la mia strada, quanto piuttosto quello di viaggiare per il mondo e di riuscire a sganciarmi da lavori basati in ufficio mantenendo una mia indipendenza spaziale. In parole povere, lavorare da dove piace a me senza dovermi recare in alcun ufficio o presso alcun cliente.

Ma veniamo a noi. Sono “quella” dei viaggi e spesse volte identificata con il nome stesso del blog: viaggiare low cost.
Blog nato durante il mio giro del mondo durato più di tre anni.
Un lavoro immane che oggi porta degli splendidi risultati. Quindi la domanda di molti scatta spontanea: Ma se hai già un blog, perchè hai tutto questo desiderio impellente di cominciare da zero con un altro?

Bella domanda! Perchè?
E infatti ci ho pensato a lungo, anzi a lunghissimo. Mettere su un blog è facile (nel termine di crearlo) e pure veloce, poi mantenerlo e farlo crescere è il vero problema. Che fatica! Hai da scrivere più di quanto già non faccia, dovrai aspettare ed investire il tempo in attività che ti divertono, si, ma ti costringono anche a lavorare sodo.

Quando mi sono resa conto che quello che volevo condividere andava oltre il viaggio, nei confronti del quale anche il mio approccio è cambiato, diventando qualcosa di più personale ed intimo, ho avuto la necessità di distinguere le cose.

Mi sono anche accorta che ho pensieri di viaggio che sono talmente tanto personali che in quanto tali vorrei avessero la mia firma indelebile: Giulia Raciti, no “Quella di Viaggiare Low Cost”. 

Vanità forse. Nient’altro che vanità. 
Bisogno di un pò di ordine e comprensione del da farsi da adesso in poi. E quando parli ad alta voce capisci meglio….

“Non è la specie più forte a sopravvvivere, e nemmeno quella più intelligente ma la specie che risponde meglio al cambiamento”

Shares
Charles Darwin
Shares
Shares